Panel test: selezionati presso Innovhub SSI nuovi giudici per l’analisi sensoriale sugli imballaggi a contatto con alimenti

Ad aprile il corso di formazione a cura Sen&CA, divisione di Neotron S.p.A.

L'analisi sensoriale è una disciplina che valuta gli attributi organolettici di un prodotto mediante i 5 sensi: vista, udito, olfatto, gusto, tatto.

Più precisamente, l’American Society for Testing and Materials e Institute of Food Technologists definisce l'analisi sensoriale come "un metodo scientifico usato per risvegliare, misurare, analizzare e interpretare quelle risposte ai prodotti che sono esito della percezione tramite i sensi della vista, dell'olfatto, del tatto, del gusto e dell'udito".

Soprattutto in campo alimentare, l’analisi sensoriale è sempre più richiesta dalle imprese per valutare le caratteristiche di un prodotto, in affiancamento alle tradizionali analisi chimico-fisiche.

Le applicazioni sono molteplici: verificare la qualità di materie prime e prodotti finiti e valutarne la conservabilità, sviluppare nuovi prodotti anticipando le preferenze dei consumatori, studiare gli effetti di modifiche negli ingredienti o nel processo di produzione e/o lavorazione, scegliere il packaging e valutarne gli effetti sulle caratteristiche organolettiche del prodotto.

Proprio con riferimento al packaging, il Regolamento (CE) n. 1935/2004 stabilisce i requisiti generali cui devono rispondere tutti i materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti.

In particolare, il regolamento stabilisce che questi devono essere prodotti conformemente alle buone pratiche di fabbricazione e, in condizioni d’impiego normale o prevedibile, non devono trasferire agli alimenti componenti in quantità tale da:

  • costituire un pericolo per la salute umana;
  • comportare una modifica inaccettabile della composizione dei prodotti alimentari;
  • comportare un deterioramento delle caratteristiche organolettiche.

Per verificare l’eventuale deterioramento delle caratteristiche organolettiche, è possibile eseguire dei test sensoriali volti a valutare l'influenza di qualsiasi tipo di packaging sugli alimenti. Questo tipo di prove viene svolto da diversi anni presso l’Area Carta di Innovhub SSI, dove è stato allestito un locale di prova conforme alla UNI EN ISO 8589:2010 e nel 2004 è stato selezionato e addestrato un panel di giudici sensoriali in grado di svolgere diverse tipologie di analisi per valutare l’eventuale danno organolettico degli imballaggi.

In particolare, vengono svolte analisi sensoriali secondo le norme:

- UNI EN 1230-1:2009: è un metodo per la valutazione dell'odore rilasciato da un campione di carta o cartone compresi i materiali patinati e/o stampati, destinati a entrare in contatto diretto o indiretto con gli alimenti.

- UNI EN 1230-2:2009: è un metodo per valutare se un campione di carta o cartone contiene sostanze che possono essere trasmesse attraverso lo spazio aereo ad un simulante alimentare e alterarne il sapore. È applicabile a tutti i tipi di carta e cartone, anche patinati e stampati, destinati a venire a contatto con gli alimenti.

- UNI 10192:2000: descrive una serie di procedure per la valutazione dell'eventuale danno organolettico derivante dal contatto con gli imballaggi primari. La norma riguarda materiali di confezionamento e imballaggi finiti in genere, compresi materiali compositi che prevedono carta e cartone accoppiati con altri materiali, quali film plastici e alluminio.

Per garantire il mantenimento di un panel di giudici addestrato e aggiornato, durante lo scorso mese di Aprile Innovhub SSI ha partecipato ad una nuova formazione volta a selezionare nuovi giudici sensoriali. La formazione è stata condotta da un laboratorio esterno, Sen&CA, divisione di Neotron S.p.A. che si occupa, da oltre 25 anni, di analisi sensoriali. I nuovi giudici selezionati sono 17.

Per avere maggiori informazioni sull'analisi sensoriale e sul servizio offerto da Innovhub SSI, è possibile contattare serena.bariselli@mi.camcom.it


Le altre analisi sensoriali di Innovhub SSI

Presso Innovhub SSI vengono eseguite anche altre prove sensoriali, in ambito alimentare e non.

In ambito alimentare, viene eseguita la valutazione organolettica (Panel Test) degli oli vergini di oliva, per valutare la qualità del prodotto e stabilire la classificazione merceologica dell’olio (extravergine, vergine o lampante) in funzione della presenza del fruttato e dell’intensità dei difetti. Pur in presenza di analisi chimiche conformi, infatti, alcuni oli possono avere difetti organolettici anche molto evidenti, che vengono rilevati attraverso l’analisi sensoriale. Anche in questo caso Innovhub dispone di un panel di assaggiatori selezionati e addestrati, riconosciuto dal Mipaaf (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali) e dal Consiglio Oleicolo internazionale (COI). Maggiori informazioni.

L’analisi sensoriale viene anche utilizzata da Innovhub SSI, in affiancamento o in alternativa alla valutazione strumentale, per valutare le prestazioni o alcune caratteristiche specifiche di prodotti per la detergenza domestica, personale o per sistemi di lavaggio. Grazie all’utilizzo di panel test vengono utilizzate le capacità umane di percezione visiva, olfattiva, tattile per determinare l’efficacia dei prodotti, così come la loro compatibilità di utilizzo su specifici substrati. Maggiori informazioni.

Ti potrebbe interessare