Valutazione Organolettica degli oli vergini di oliva (Panel Test)

Si tratta di un parametro fondamentale per la valutazione della qualità del prodotto e permette di stabilire la classificazione merceologica dell’olio (extravergine, vergine o lampante) in funzione della presenza del fruttato e dell’intensità dei difetti.

Perché?

Le analisi chimiche sono importanti, ma non consentono in assoluto di stabilire la qualità di un olio extravergine: alcuni oli che presentano valori conformi alle analisi chimiche possono avere difetti organolettici anche molto evidenti, la valutazione organolettica è quindi un elemento distintivo, discriminante tra i parametri di qualità.

Come?

La valutazione viene eseguita secondo il metodo descritto nel Reg. (UE) 2019/1604 All. IV (modifica del Reg. CEE 2568/91) e metodo COI/T.20/Doc. n.15, secondo cui un panel di assaggiatori selezionati e addestrati, avvalendosi di tecniche statistiche per il trattamento dei dati, esprime un giudizio oggettivo sul prodotto.

Le condizioni di prova, la procedura di selezione, il vocabolario e l'allestimento della sala di assaggio sono descritte da norme del COI (Consiglio Oleicolo Internazionale).

Il panel di assaggio di Innovhub è riconosciuto:

  • dal Mipaaf (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali), come comitato incaricato del controllo ufficiale delle caratteristiche organolettiche degli oli di oliva vergini e autorizzato al rilascio dei certificati di analisi per gli oli a D.O.P. e I.G.P
  • dal Consiglio Oleicolo internazionale (COI)

L’analisi viene effettuata secondo il Sistema Qualità conforme alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025, ed è accreditata da ACCREDIA.

Per mantenere i riconoscimenti, il comitato partecipa alle prove interlaboratorio organizzate dal COI e dal Mipaaf.

              

 

Referenti: Stefania De Cesarei, Liliana Folegatti
stefania.decesarei@mi.camcom.it, liliana.folegatti@mi.camcom.it