La vera novità di Horizon 2020 - programma dell'Unione Europea per la ricerca e l'innovazione per il periodo 2014/2020 – è stata la creazione dello SME Instrument, misura riservata esclusivamente alle PMI europee con un forte potenziale di innovazione e che intendono portare le proprie idee innovative direttamente sul mercato europeo (per maggiori informazioni su come è strutturato lo SME Instrument, visitare la pagina dedicata).


Ma prima di presentare i propri progetti per lo SME Instrument, è bene osservare un po' di dati e grafici relativi alle scorse deadline.


I primi dati ci giungono dalla deadline dello scorso 18 Giugno:
2666 proposte presentate, di cui:
2602 considerate eligibili
317 con un punteggio sopra soglia
155 proposte finanziate
Qui la lista e la mappa dei progetti vincitori 

Di seguito il grafico con il numero di proposte presentate per paese


Fonte: European Commission 

Mentre il seguente grafico ci mostra il numero di proposte vincitrici per paese


Fonte: European Commission 

 

Da questi dati vediamoche, mentre l'Italia guida la graduatoria per paese in termini di proposte presentate, è solo terza per numero di proposte finanziate con un success rate piuttosto basso del 4.59%. Altri paesi, come l'Irlanda, presentano un numero di proposte di gran lunga inferiore (50) con 4 progetti vinti e un success rate del 20%. E' evidente che dal punto di vista italiano vi è una grande dispersione di impegno e risorse per la presentazione di una gran mole di progetti che sono molti distanti da quello che richiede l'Europa.

Per la deadline del 24 Settembre sono state inviate 1944 proposte per la fase 1. Di seguito i principali paesi per numero di proposte presentate:

  1. Italia 351
  2. Spagna 283
  3. UK 149
  4. Germania 128
  5. Francia 93
  6. Ungheria 91

 

Per la prima deadline della fase 2 del 09 Ottobre, sono state presentate 580 proposte progettuali, con l'Italia sempre al primo posto.

Fonte: European Commission

 

Ma quali sono le indicazioni che l'EASME (European Agency for SME, agenzia della Commissione incaricata della gestione dello SME Instrument) ci ha dato a seguito di queste prime selezioni?

6 lezioni imparate dalle prime valutazioni

1 Proposte troppo focalizzate sul progetto e poco sull'opportunità commerciale

2 Descrizione dell'azienda non convincente

3 Non sono presenti informazioni sulle soluzioni concorrenti

4 Livello di innovazione troppo basso

5 Proposta dell'idea senza alcun piano per la sua commercializzazione

6 Proposte inviate tanto per provarci

 

La Commissione Europea chiama i vincitori dello SME Instrument gli European innovation champions' league, proprio per sottolineare l'appartenenza ad un ristretto gruppo di aziende che avanzano nel mercato globale della ricerca, crescita e innovazione.

Vediamo fino ad ora quali sono le caratteristiche delle aziende parte della European innovation champions' league:

  • fondate da almeno 4 anni
  • con almeno 6 dipendenti
  • consapevoli delle minacce del mercato e delle idee concorrenti ma che sono pronti ad affrontarle

 

Se vuoi entrare in contatto con lo Sportello APRE Lombardia, clicca qui o scrivi una mail a innovazione@mi.camcom.it