(gennaio-dicembre 2015)

 

 


Anche per quest'anno è disponibile la guida in cui sono riportati i controlli maggiormente utilizzati per la caratterizzazione dei prodotti petroliferi e lubrificanti e i relativi metodi di analisi pubblicati da gennaio a dicembre 2015 da Enti Nazionali ed Internazionali (UNI, CEI, ASTM, IP, ISO, IEC, EN).


Nota tecnica – Lubrificanti – Corrispondenze tra metodi analitici
(gennaio-dicembre 2015)

La Rivista Italiana delle Sostanze Grasse 2016, vol. 92, n. 1

 

 

Indicazioni per la lettura della tabella

Nella prima colonna si riporta il parametro analitico, cui corrispondono i numeri di norma/ metodo riportati nelle colonne successive.
I riferimenti normativi sono divisi in quattro classi: EN - ISO - IEC; Metodi Italiani (UNI - UNI EN - UNI EN ISO - CEI – NOM); IP; ASTM.
Tutti i metodi che durante l'anno hanno avuto revisioni o modifiche sono evidenziati con lo sfondo grigio.
La nuova versione dei metodi ASTM è stata confrontata con l'edizione precedente e nel foglio "Commento alle nuove revisioni" si riportano i risultati di tale confronto.
Quando compare la dizione "equivalente" significa che c'è una perfetta rispondenza tra le metodiche; differenze non sostanziali tra i vari metodi sono riassunte nell'espressione "tecnicamente equivalenti"; per i metodi in cui è stata riscontrata anche una sola, ma significativa differenza, viene riportata l'espressione "non equivalente".

Altre informazioni

Per i metodi IP si rimanda al sito http://ein.powerweb.co.uk/cssiptmqbe.htm dove è disponibile l'elenco aggiornato dei metodi e un loro confronto con i metodi ASTM e ISO.
La presente guida, non potendo essere aggiornata in tempo reale, ma facendo riferimento ad una valutazione temporale pari a un anno solare, ha delle lacune, insite proprio nella modalità in cui è stato concepito il lavoro di revisione. (Per questo motivo alcuni metodi ASTM hanno come data di revisione il 2014, anche se l'ultima ricerca condotta a Dicembre 2014 non li citava come metodi in revisione)