Semplici regole per un impiego sicuro

 

Con l'avvicinarsi dell'estate si ripropone la necessità di acquistare prodotti solari che proteggano la nostra
pelle dalle radiazioni solari. La Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea del 22 settembre 2006 riporta la RACCOMANDAZIONE DELLA Commissione Europea sull'efficacia dei prodotti per la protezione solare e sulle relative indicazioni". Il sole infatti, se da una parte è la più importante fonte naturale di energia che può indurre effetti positivi sul nostro organismo, quali la produzione di vitamina D e di melanina, accanto ad un piacevole effetto estetico determinato dall'abbronzatura, dall'altra può determinare fenomeni negativi, come gli eritemi, l'invecchiamento cutaneo e i tumori della pelle.
Il sole emette radiazioni elettromagnetiche tra cui I raggi ultravioletti (indicati con la sigla UV) che vengono
assorbiti dalla pelle con modalità diverse e che vengono distinti in:

  • UV A, determinano l'abbronzatura ed in misura molto minore gli eritemi
  • UV B responsabili dell'eritema, penetrano facilmente nella pelle
  • UV C trattenuti dall'atmosfera, non determinano effetti particolari sulla pelle.

Pertanto preparare e difendere la pelle dall'esposizione ai raggi solari è fondamentale per mantenerla in buono stato di salute.
La valutazione del fototipo è il punto focale per individuare il tipo di protezione necessaria per l'esposizione ai raggi solari, anche se si deve tener conto di altri fattori, quali il luogo di esposizione al sole (spiagge di climi temperati o tropicali, alta montagna, ecc.), il tempo di permanenza al sole, l'utilizzo di farmaci o di prodotti cosmetici che potrebbero indurre reazioni di fotosensibilizzazione.
Si possono distinguere 6 fototipi, correlabili ai caratteri morfologici dell'individuo e alla tendenza alle scottature, per i quali vanno scelti prodotti che proteggano sufficientemente dal sole.
È quindi importante utilizzare prodotti solari contenenti filtri solari, sostanze che hanno lo scopo di proteggere la nostra pelle e ridurre o contenere gli effetti negativi di una esposizione al sole prolungata. Possono essere filtri chimici o fisici. I filtri chimici sono molecole organiche che assorbono l'energia solare e la restituiscono ad un livello energetico inferiore, i filtri fisici sono sostanze che riflettono la radiazione solare.
L'effcacia dei prodotti solari è indicata in etichetta con il fattore di protezione solare "SPF" (Sun protection factor), che è il rapporto tra la dose minima di radiazione ultravioletta (Med, "Minimal erythema dose") proveniente da una sorgente artificiale, necessaria ad indurre eritema su pelle protetta dall'antisolare, e la dose minima di radiazione ultravioletta necessaria ad indurre eritema su pelle non protetta dall'antisolare.
Il fattore di protezione può essere calcolato anche come percentuale di raggi UV bloccata dal sistema filtrante.
In realtà la maggioranza dei consumatori applica dosi molto basse di prodotto, riducendone l'effetto protettivo (la dose minima raccomandata è 2 milligrammi per cmq di pelle).

 

7 Consigli per una perfetta abbronzatura

1 Applicareil solare prima dell'esposizione al sole in dose abbondante,su tutto il corpo, senza dimenticare le orecchie, la nuca,l'interno delle braccia, il dorso di mani e piedi. Indici di protezionemolto alti vanno riservati alle zone delicate (contorno occhi, palpebre,labbra, seno). La scelta della tipologia di prodotto (crema,latte, spray, gel, stick e olio) dipende dalla zona di applicazione edalle preferenze del consumatore. Proteggere anche i capelli conprodotti specifici.

 

2 Riapplicare con frequenza la protezione solare, soprattutto dopo aver sudato e dopo essersi bagnati e asciugati: il sudore e l'immersione in acqua diluiscono il prodotto, abbassandone il fattore di protezione. In ogni caso rinnovare spesso l'applicazione del prodotto, almeno ogni due ore.

3 Esporsi al sole gradualmente, per permettere alle difese naturali della pelle di attivarsi. Non rimanere esposti al sole troppo a lungo anche se si utilizza un prodotto per la protezione solare.

 

4 Utilizzare sempre un prodotto doposole per lenire e reidratare la pelle.

 

5 Proteggere con particolare attenzione i bambini coprendoli con indumenti e cappellino, spalmando sulle zone scoperte un prodotto antisolare specifico, senza filtri chimici.

 

6 Ricordare che non esiste solo l'esposizione diretta, ma anche la radiazione riflessa della sabbia e del mare e che l'ombrellone non dà sufficiente protezione.

 

7 Verificare sempre la data di scadenza del prodotto e mantenere la confezione al riparo dai raggi diretti del sole.

 

Visita il nostro laboratorio Cosmetica per maggiori informazioni.