Nasce il Cluster Lombardo Chimica Verde

L'Associazione Lombarda Chimica Verde è il soggetto che intende dare vita al cluster regionale che concentrerà i propri sforzi sul tema della bio-economia.

L'iniziativa nasce dalla Regione Lombardia che ha individuato una serie di temi strategici attorno ai quali aggregare tutti i soggetti con competenze specifiche: aziende, università, centri di ricerca.

L'obiettivo è quello di creare una massa critica che metta in rete le risorse disponibili, facilitando l'intervento regionale e creando quel sistema di competenze condivise indispensabile per sostenere l'innovazione indispensabile a mantenere ed accrescere la competitività della nostra regione.

Quattro sono i soci fondatori che siedono attualmente come membri nel Comitato Direttivo: Innovhub SSI, Italbiotec (www.italbiotec.it), Politecnico di Milano (www.polimi.it) e Università di Milano (www.unimi.it), che partecipa direttamente col proprio dipartimento di Agraria. L'Associazione intende ora allargare la partecipazione, in particolare alle imprese, coinvolgendo tutti i soggetti protagonisti della bio-economia, ovvero dell'utilizzo di materie prime rinnovabili per la produzione di prodotti ed energia.

Si parte quindi dai produttori di biomassa, come le aziende agricole e forestali, ma anche dai produttori di residui di processi industriali (alimentare, tessile, cartario) e dai gestori di rifiuti urbani; si passa alle aziende chimiche in grado potenzialmente di trasformare questa materia prima in sostanze e prodotti da destinare ad altri settori manifatturieri (tra gli altri alimentare, mangimistico, chimico, cosmetico, farmaceutico, tessile); si devono quindi coinvolgere anche tutti questi settori a valle, senza dimenticare la logistica, l'impiantistica, l'energia e tutti i centri che producono la conoscenza indispensabile per far progredire questo nuovo settore.

L'Associazione sarà articolata in Gruppi Tematici che focalizzeranno la propria attenzione su specifici aspetti. I soci saranno chiamati a consultazione dalla Regione nella definizione delle iniziative di supporto alla ricerca, sviluppo e innovazione; potranno partecipare a programmi cofinanziati con fondi pubblici; potranno giocare un importante ruolo di rappresentanza degli interessi lombardi in sede nazionale ed europea.

Tutti i soggetti che condividono questi interessi e competenze possono iscriversi versando una quota di iscrizione di 200 euro (iscrizione soggetta a ratifica da parte dell'Assemblea Generale su proposta del Consiglio Direttivo). Questo permetterà di partecipare alla prima Assemblea Generale, completare il Comitato Direttivo e quindi dare il via ufficiale alle attività dell'Associazione.

Per qualsiasi informazione potete rivongervi a Daniele Colombo, daniele.colombo@mi.camcom.it, 0285155230